“Reputiamo assolutamente illogico e triste quanto accaduto pochi giorni fa al molo verde del porto dell’isola del Giglio, dove con due colpi di pistola un carabiniere ha ucciso un cane. Si tratta di un episodio tragico, assurdo nella sua dinamica. Esprimendo totale vicinanza alla famiglia che si prendeva cura del meticcio, oggi chiusa in un comprensibile dolore, e stigmatizzando l’accaduto, Rivoluzione Animalista chiede con forza che le autorità competenti facciano luce sulle responsabilità del militare per il reato di uccisione di animali: in particolare, ci rivolgiamo al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri affinché prenda ufficialmente posizione sui fatti dell’Isola del Giglio. In caso di reiterato silenzio istituzionale, è nostra intenzione organizzare un sit-in di protesta sotto il Comando Generale di Roma: la morte della povera Hollie non può rimanere senza giustizia”.

Così, in una nota, il segretario nazionale del partito Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.